Cardiospermum. Pianta sarmentosa della famiglia delle Sapindaceae - Vanda Omeopatici
Banner Repertorio Medicina Integrata
Cardiospermum. Pianta sarmentosa della famiglia delle Sapindaceae
Cardiospermum. Pianta sarmentosa della famiglia delle Sapindaceae

Cardiospermum. Pianta sarmentosa della famiglia delle Sapindaceae

Cardiospermum è una pianta sarmentosa della famiglia delle Sapindaceae, molto diffusa ai tropici. Willmar Scwabe raccolse Cardiospermum già nel 1956 durante il suo primo viaggio ai tropici in Africa, ma ci vollero anni prima che venisse a conoscenza dei particolari riguardanti il suo valore medicinale utilizzabile a fini terapeutici. In Sudafrica Cardiospermum viene impiegato soprattutto come rimedio delle affezioni reumatiche, nei disturbi digestivi nonché nelle affezioni delle vie respiratorie, Nella medicina indigena indiana questa pianta viene adoperata per le malattie veneree.

Cardiospermum compare, come già detto, nei paesi tropicali, in parte come fastidiosa erbaccia lussureggiante. Bisogna anche notare il fatto che la famiglia delle Sapindaceae non fornisce altre piante medicinali o coltivate. E l’appellativo Cardiospermum non ha niente a che fare con un’azione sul cuore o simili, bensì si riferisce all’aspetto dei semi nerastri grandi appena come piselli, che presentano una macchia bianca dalla tipica forma a cuore. La pianta è ritenuta non velenosa.

Dopo queste indicazioni botaniche, ecco ancora alcuni dati farmaceutici: per la preparazione della tintura madre viene utilizzata l’erba fresca in fiore. Cardiospermum viene impiegato in diluizioni basse D3, D4 o D6, nonché in forma di pomata. Come è stato dimostrato da ricerche terapeutiche con diluizioni omeopatiche di Cardiosperumum, il rimedio possiede due importanti campi di applicazione:

Naturalmente di tratta di quadri morbosi, il cui trattamento spetta al medico. In questo Cardiospermum potrà essergli d’aiuto. A questo punto bisogna parlare ancora in particolare del Cardiospermum in pomata. Ha dato risultati eccellenti in caso di punture di insetti molto pruriginose e può essere raccomandato per l’automedicazione.

Tratto da: “L’omeopatia. Una terapia naturale. I principi e la pratica” Di Markus Wiesenauer

cardiospermum halicacabum