Prevenzione omeopatica, inverno in libertà - Vanda Omeopatici
Cutting edge research in homeopathy 728×90
Prevenzione omeopatica, inverno in libertà
Prevenzione omeopatica, inverno in libertà

Prevenzione omeopatica, inverno in libertà

Prevenzione omeopatica e vaccino per l’influenza

Cosa si intende con prevenzione omeopatica? Con l’arrivo dei primi freddi autunnali fanno puntualmente ricomparsa le malattie stagionali da raffreddamento. Su tutte influenza e raffreddore. Caratterizzate da prevalenti sintomi respiratori (tosse, mal di gola e naso chiuso), spesso accompagnate da senso di prostrazione, malessere generale e febbre, queste malattie sono dovute all’infezione da parte di determinati virus.

Le nostre difese immunitarie contro tosse, influenza e infezioni batteriche

Sovente, a causa di un eccessivo abbassamento delle difese immunitarie, all’infezione virale subentra una sovra-infezione batterica che aggrava il quadro sintomatico. Classica evidenza di un’infezione batterica in atto è una secrezione nasale densa e di colore giallastro e una tosse che diventa “grassa”, cioè con abbondante catarro.

i sintomi influenzali più comuniL’inverno, la stagione preferita da virus influenzali e parainfluenzali

I virus influenzali e parainfluenzali generalmente attecchiscono verso la fine dell’autunno e la metà del’inverno, un po’ come il raffreddore, quando il freddo fa abbassare le difese immunitarie ed aumentare le occasioni di contagio per una maggiore permanenza in luoghi chiusi ed affollati, ambiente ideale per la propagazione dei virus.

Il contagio avviene attraverso via aerea e il contatto con superfici contaminate. Da notare che con la riapertura degli asili nido e delle scuole materne i bambini riprendono ad ammalarsi: si calcola che tali infezioni siano responsabili del 50-60% del tempo scolastico perso. Non molto differente la situazione per gli adulti, in riferimento ai luoghi di incontro e di lavoro.

le occasioni di contagio dei virus dell'influenzaSecondo l’Inail nella stagione 2009 – 2010 sono state 32.275.000 le giornate di assenza totale dal lavoro causate dall’influenza. L’applicazione di alcune comuni norme igieniche di base può ridurre il rischio di contrarre l’infezione: coprirsi la bocca quando si starnutisce, lavarsi regolarmente le mani ed evitare i luoghi affollati durante i periodi di epidemia.

Un’alimentazione ricca di frutta e verdura, ad alto contenuto di vitamine e micronutrienti, fornisce un’ulteriore aiuto.

Influenza e importanza della prevenzione

La prevenzione può essere attuata nelle categorie a rischio con il vaccino anti-influenzale. Tuttavia il vaccino protegge esclusivamente dal virus specifico di quel dato anno e non da tutti gli altri organismi responsabili delle sindromi parainfluenzali e delle malattie da raffreddamento, in primo luogo i batteri.

L’efficacia del vaccino è per giunta piuttosto limitata, i virus a cui sono legate le patologie influenzali sono infatti particolarmente resistenti e soprattutto hanno la capacità di mutare rapidamente il loro patrimonio genetico, cioè di modificarsi nel tempo.

Per tale motivo l’influenza non è mai uguale a se stessa e ogni anno si presenta in una forma più o meno resistente.

Insieme al vaccino, un prezioso aiuto per proteggersi dal contagio e affrontare i principali sintomi delle malattie da raffreddamento può venire dall’assunzione di immunostimolanti omeopatici, prodotti in grado di migliorare l’efficacia del nostro sistema immunitario fisiologico.

Vaccini per l’influenza e Prevenzione omeopatica

Una importante meta-analisi della Cochrane Library del 2006 ha dimostrato come i molteplici immunostimolanti presenti sul mercato farmaceutico, siano efficaci nel ridurre le infezioni respiratorie ricorrenti di circa il 40%.

Assunti per tempo, questi prodotti sono in grado di stimolare una risposta immunitaria detta cellulo-mediata, che comporta l’intervento di macrofagi e cellule natural killer in grado di annientare il virus influenzale senza attaccarlo direttamente.

A differenza degli anticorpi stimolati dal vaccino, tali cellule agiscono infatti uccidendo la cellula infettata dal virus e quindi privano quest’ultimo dell’ambiente ideale per la sua replicazione e moltiplicazione. Tale aspetto gioca un ruolo vincente nella prevenzione perché by-passa il problema della variabilità antigenica dei virus influenzali che è invece il tallone d’Achille del vaccino convenzionale.

prevenzione influenza quando iniziarePerché gli immunostimolanti omeopatici possano esprimere al massimo la loro efficacia è opportuno iniziare la cura nelle prime settimane di settembre, infatti sin dall’assunzione delle prime dosi è possibile osservare un consistente aumento della risposta immunitaria, ma è alla fine dell’intero ciclo terapeutico (6 settimane) che si raggiunge la massima copertura, giusto in tempo per affrontare il periodo clou dell’influenza.

Il Mucozinum 200 Plus: la prevenzione omeopatica

Cosa si intende per prevenzione omeopatica? Tra i molteplici immunostimolanti omeopatici presenti sul mercato, molto efficace si è dimostrato essere il Mucozinum 200 plus – Vanda Omeopatici, composto da un’associazione di diluizioni alla 200k del virus influenzale epidemico e degli antigeni batterici responsabili delle principali infezioni respiratorie ricorrenti, sia primarie che come complicazioni di infezioni virali.

Uno studio condotto su 200 bambini di età compresa tra i 2 e i 6 anni di età seguiti dagli ambulatori pediatrici sparsi sull’intero territorio italiano, ha dimostrato come il Mucozinum 200 plus sia efficace nel limitare sensibilmente l’incidenza di eventi infettivi respiratori e ridurre la percentuale di complicanze batteriche in quelli che si manifestano.

Il numero di giorni di febbre e il numero di cicli di antibiotico effettuati è stato infatti sensibilmente minore nel gruppo dei bambini trattati con il Mucozinum 200 plus, rispetto al gruppo dei bambini non trattati (G.M. Micciché, S. Cacopardo – Medicina Naturale – Settembre 2010). Grazie alle alte diluzioni dei suoi componenti il Mucozinum 200 plus può essere assunto sia in gravidanza, sia durante l’allattamento che in età pediatrica.

Non presenta generalmente controindicazioni ed effetti collaterali ed è in grado di agire anche nei pazienti dove il ricorso ad altri trattamenti farmacologici è sconsigliato, per esempio, in concomitanza di altre terapie. La sua efficacia è massima nei bambini in quanto il loro organismo ha ancora una reattività integra ed un sistema di difesa immunitario molto sensibile agli stimoli.

Tratto da “HOD BENESSERE”, n.73:

http://www.flipsnack.com/F8DBFB7EFB5/fh3exw6y