"Non esiste nessun trial che dimostri l’efficacia dell’Omeopatia": Falso - Vanda Omeopatici
Cutting edge research in homeopathy 728×90
“Non esiste nessun trial che dimostri l’efficacia dell’Omeopatia”: Falso
“Non esiste nessun trial che dimostri l’efficacia dell’Omeopatia”: Falso

“Non esiste nessun trial che dimostri l’efficacia dell’Omeopatia”: Falso

Molte persone credono che tutti gli studi randomizzati controllati (RCT) di alta qualità effettuati su rimedi omeopatici siano risultati negativi.
Questo è falso.

Di seguito vengono riportati alcuni esempi di RCT positivi di alta qualità e di systematic reviews/meta-analyses testanti vari tipi di omeopatia:

  • Individualised homeopathic treatment for diarrhoea in children. A meta-analysis of three placebo-controlled randomised trials by Jacobs et al. 2003 showed that homeopathic treatment reduced the duration of diarrhea (p=0.008).  (Trattamento omeopatico individualizzato per la diarrea nei bambini. Una meta-analisi di tre studi randomizzati, controllati con placebo da Jacobs et al. 2003 ha dimostrato che il trattamento omeopatico ha ridotto la durata della diarrea (p = 0.008). (1)
  • Individualised homeopathic treatment for ear infections (otitis media) in children. (Trattamento omeopatico individualizzato per le infezioni dell’orecchio (otite media) nei bambini (2),(3)
  • The homeopathic medicine Galphimia glauca for hay fever (allergic rhinitis). La medicina omeopatica Galphimia Glauca per la febbre da fieno (rinite allergica). (4)
  • The isopathic medicine Pollen 30c for hay fever. (Il rimedio isopatico Pollen 30C per la febbre da fieno) (5)
  • The homeopathic medicine Oscillococcinum for the treatment of influenza6. This study showed that Oscillococcinum was effective at treating influenza, but ineffective for preventing it. (Il farmaco omeopatico Oscillococcinum per il trattamento di influenza (6). Questo studio ha dimostrato che l’Oscillococcinum è risultato efficace nel trattamento dell’influenza, ma inefficace nella prevenzione. Vedi anche “Prevenzione omeopatica per l’influenza“)
  • The complex homeopathic medicine Vertigoheel for vertigo. (Il complesso omeopatico Vertigoheel per la cura delle vertigini) (7)

Questi risultati mettono in evidenza l’assoluta importanza di effettuare ulteriori ricerche in campo omeopatico; in particolare è necessario effettuare studi di alta qualità da ripetere su più larga scala.

Per approfondirle aree più promettenti della ricerca clinica è possibile consultare il testo “Homeopathy on trial – The need for targeted research” di Tournier & Roberts, anno 2013. (Scarica qui il PDF)

La questione del ‘Cherry Picking’

Con “Cherry Picking” si intende la pratica di pubblicare o citare in maniera selettiva solo le prove positive riguardanti un determinato trattamento, ignorando le prove negative contrastanti.

Questo atteggiamento può portare ad una lettura distorta dei risultati della ricerca, tanto che sta emergendo la tendenza di costringere gli istituti di ricerca e le aziende farmaceutiche a rivelare tutti i risultati della sperimentazione – sia positivi che negativi – in modo che l’equilibrio degli elementi della prova possano essere considerati nella loro interezza.

In alcuni casi gli studi positivi vengono accolti dai critici dell’omeopatia come se fossero “cherry picking”, chiamando in causa altrettante prove negative. E’ fondamentale però che tali prove negative vengano considerate rilevanti solo se eseguite sullo stesso trattamento omeopatico, nella medesima condizione e per la stessa patologia.

Nel caso degli studi sopra elencati, a nostra conoscenza non esistono ulteriori ripetizioni con risultati negativi.

La necessità di replicazione di studi esistenti

Essendo la ricerca in omeopatia un campo relativamente nuovo e non essendovi ancora finanziamenti cospicui per supportare nuovi trials, il numero dei trials di alta qualità e di ripetizioni è piuttosto basso.

Non appena più studi saranno disponibili per effettuare ulteriori analisi sugli stessi trattamenti omeopatici, i risultati verranno aggiornati, confermati o contraddetti da nuove scoperte.

Note bibliografiche

  • Jacobs J, Jonas WB, Jiménez-Pérez M & Crothers D. Homeopathy for childhood diarrhea: combined results and metaanalysis from three randomized, controlled clinical trials. Pediatr. Infect. Dis. J., 2003;22:229–234 | PubMed
  • Jacobs J, Springer DA, Crothers D. Homeopathic treatment of acute otitis media in children: a preliminary randomized placebo-controlled trial. Pediatr Infect Dis J., 2001; 20(2): 177-83 | PubMed
  • Sinha MN, et al. Randomized controlled pilot study to compare Homeopathy and Conventional therapy in Acute Otitis Media. Homeopat. J. Fac. Homeopat., 2012; 101: 5–12 | PubMed
  • Wiesenauer M & Lüdtke R. A meta analysis of the homeopathic treatment of pollinosis with Galphimia glauca. Forsch. Komplementärmed., 1996; 3: 230-234 | Link
  • Reilly DT, Taylor MA, et al. Is homoeopathy a placebo response? Controlled trial of homoeopathic potency, with pollen in hayfever as model. Lancet, 1986; 2(8512): 881-886 | PubMed
  • Mathie RT, Frye J & Fisher P. Homeopathic Oscillococcinum(®) for preventing and treating influenza and influenza-like illness. Cochrane Database Syst. Rev., 2012; 12:CD001957 | PubMed
  • Schneider B, et al. Treatment of vertigo with a homeopathic complex remedy compared with usual treatments – a meta-analysis of clinical trials, Arzneim.-Forschung, 2005; 55(1): 23-29 | PubMed

A cura di: Redazione. Tratto da https://www.hri-research.org