Integratore di Glutatione GSH-Va | antiossidante, contrasta i radicali liberi
Banner Repertorio Medicina Integrata

Integratore di glutatione GSH-VA Glutatione

L’integratore di glutatione GSH-VA aiuta a combattere lo stress ossidativo ed il conseguente danno cellulare generalizzato indotto dall’eccessiva presenza di radicali liberi grazie alla presenza di sostanze nutritive come selenio, vitamina C e E. La vitamina C e il Selenio contribuiscono inoltre a sostenere il sistema immunitario.

integratore di glutatione
integratore di glutatione GSH VA

Composizione

(per una capsula)

  • Glutatione ridotto (GSH) 50 mg
  • Acido alfa-lipoico 112,5 mg
  • Cistina 65 mg
  • Vitamina C 50 mg
  • Vitamina E acetato polvere 36 mg
  • Selenio 20 mcg
  • Eccipienti: Cellulosa microcristallina, amido di mais, magnesio stearato, silice

Integratore di Glutatione – i componenti

Glutatione

Tripeptide fisiologico composto da acido glutammico, cisteina e glicina normalmente presente nei tessuti in concentrazioni dell’ordine di millemoli. Il glutatione prende parte a numerosi processi metabolici e di trasduzione dei segnali. Esplica attività di tampone redox in quanto cofattore di enzimi coinvolti nella detossificazione di agenti esterni. È inoltre coinvolto nella rigenerazione dell’ascorbato dalla sua forma ossidata deidroascorbato.

Acido alfa-Lipoico

Importante cofattore enzimatico coinvolto nella trasformazione del glucosio e degli acidi grassi in energia. Favorisce la sintesi endogena del glutatione e dell’insulina. Partecipa a diversi meccanismi antiossidativi quali la rigenerazione del glutatione ridotto (GSH) e dell’acido ascorbico.

acido alfa lipoico (GSH-VA Glutatione)
L’acido alfa lipoico favorisce la sintesi endogena del glutatione

Cistina

Dimero della cisteina aminoacido particolarmente abbondante nella pelle e nelle mucose. La cistina viene utilizzata dall’organismo quale fonte di cisteina necessaria per la biosintesi del glutatione. La cistina è il precursore del glutatione.

cistina (Integratore di Glutatione)
Cistina: la cistina viene utilizzata dall’organismo quale fonte di cisteina necessaria per la biosintesi del glutatione. Precursore del glutatione.

Vitamina E acetato polvere

Sostanza a spiccata attività antiossidante, svolge azione protettrice sulle membrane cellulari dall’azione lesiva dei radicali liberi. Partecipa alla formazione del glutatione in sinergia con acido alfa-lipoico e la cisteina.

vitamina E acetato (Integratore di glutatione)
la vitamina E svolge azione protettrice sulle membrane cellulari dall’azione lesiva dei radicali liberi e partecipa alla formazione del glutatione in sinergia con acido alfa-lipoico e la cisteina.

Vitamina C

Sostanza a spiccata attività antiossidante, protegge la cellula dall’azione lesiva dei radicali liberi, importante cofattore enzimatico per la funzionalità di diversi meccanismi antiossidanti. La vitamina C contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo e alla normale funzione del sistema immunitario.

vitamina c (Integratore di Glutatione)
La vitamina C protegge la cellula dall’azione lesiva dei radicali liberi

Selenio

Oligoelemento essenziale presente in tracce nell’alimentazione umana. E’ un costituente fondamentale dell’enzima antiossidante glutatione perossidasi che opera insieme alla vitamina E nel contrastare i danni prodotti dai radicali liberi alle membrane cellulari. Il selenio contribuisce inoltre alla normale funzione del sistema immunitario.

Selenio (integratore di glutatione)
il Selenio è un costituente fondamentale dell’enzima antiossidante glutatione perossidasi che opera insieme alla vitamina E nel contrastare i danni prodotti dai radicali liberi alle membrane cellulari

Integratore di Glutatione – Controindicazioni

Controindicato in casi di accertata ipersensibilità ad uno dei componenti. Gravidanza e allattamento.

Avvertenze: tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni.

Effetti indesiderati: Non sono stati riscontrati effetti indesiderati alle dosi consigliate. NOTA: Gli integratori non vanno considerati come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

GSH-Va Glutatione composizione

Effetti del trattamento orale con Gsh-Va Glutatione in soggetti con deficit di Barriera Antiossidante

Autori: Prof. Giuseppe Di Fede, Dir.San. Istituto di Medicina  Biologica Milano; docente di Nutrigenomica e Nutraceutica, Univ. di Pavia. Dr.ssa Cecilia Pedroni, Biologa Nutrizionista ed Esperta in Nutrizione Umana, consulente I.M.B. Milano.

Effetti del trattamento orale con Gsh-Va Glutatione in soggetti con deficit di Barriera Antiossidante

Abstract

Uno stato di “Stress Ossidativo” è rappresentato dall’iperproduzione ed il successivo accumulo di radicali liberi nell’organismo che, in assenza di una adeguata capacità difensiva rappresentata dalla così detta “Barriera antiossidante”, comporta l’instaurarsi di danni ossidativi a carico dei costituenti dell’organismo, con conseguente insorgenza di patologie a carico dei diversi organi ed apparati. E’ stata valutata la capacità antiossidante di un gruppo di 33 pazienti mediante prelievo venoso con misurazione dei principali enzimi coinvolti nel più importante sistema di detossificazione da specie reattive dell’ossigeno, quello del Glutatione: la Superossido Dismutasi (SOD), la Glutatione Perossidasi (GSHPx) e Glutatione Reduttasi (GR). I pazienti con bassa capacità antiossidante sono stati trattati con Gsh-Va Glutatione. Ad un mese dal trattamento sono stati rivalutati.

I risultati del test sulla Barriera Antiossidante mostrano un incremento statisticamente significativo della SOD, enzima cruciale a monte del ciclo del glutatione, il cui prodotto fa da substrato alle reazioni di detossificazioni successive del ciclo e quindi all’azione della Perossidasi e Reduttasi.

Sfoglia lo studio:

Conclusioni

E’ stata valutata la possibilità di incrementare la potenzialità della Barriera Antiossidante costituita dagli enzimi SOD, GPx e GR in 33 pazienti tramite sommistrazione orale di Gsh-Va Glutatione. La somministrazione è durata 1 mese. Il test di misurazione enzimatica è stato effettuato su sangue venoso periferico misurato in U di assorbanza rispetto a grammi di emoglobina. I valori dei soggetti prima e dopo il trattamento sono stati confrontati con t-Test. Lo studio ha permesso di valutare l’efficacia terapeutica della somministrazione orale di Gsh-Va Glutatione, che, in presenza di Selenio, ha mostrato effetti stimolanti la cascata di detossificazione, a partire dall’aumento della Superossidodismutasi, enzima che svolge il compito di eliminare l’anione Superossido e fornire il substrato al ciclo di detossificazione del Glutatione.

  • I risultati hanno mostrato un significativo aumento della SOD per U/g di Hb con significatività su 32 pazienti P=0,025.
  • Nei pazienti in cui il livello SOD iniziale presentava valori compresi tra 594 e 616, si è registrato un incremento tra il 18% e il 22% (Fig.B).
  • Nei pazienti invece in cui il livello SOD iniziale era compreso tra i valori 697 e 774, l’aumento è stato mediamente inferiore o in alcuni casi negativo (fig. C): il dato indica che i livelli di SOD oltre il limite massimo si sono normalizzati raggiungendo livelli fisiologici, uguali ai livelli del gruppo evidenziato dal grafico di Fig.B.

Bibliografia

Infografica integratore di glutatione antiossidante

Integratore di glutatione. GSH-Va Glutatione

Privacy Preference Center

Google Analytics

Profilazione anonima e analisi statistica degli accessi al sito

Google Analytics
Google Analytics

Pixel di Facebook

Profilazione e remarketing tramite Facebook ADV senza cessione di dati a terzi

Pixel di Facebook
Pixel di Facebook