Integratore di glutatione e sistema immunitario - Vanda Farmaceutici
Banner Repertorio Medicina Integrata
Stress del sistema immunitario e integratore di glutatione
Stress del sistema immunitario e integratore di glutatione

Stress del sistema immunitario e integratore di glutatione

Per una corretta funzionalità del sistema immunitario

Equilibrio del sistema immunitario

La bilancia immunologica TH1 TH2

Le citochine di tipo 2 (TH2) e di tipo 1 (TH1) rappresentano rispettivamente la risposta dell’organismo di tipo allergico e di difesa contro virus e batteri patogeni. Il bilancio e il rapporto tra i due sistemi è essenziale per la salute e attività del sistema immunitario.

La produzione delle citochine e quindi anche dei linfociti è sotto il controllo genetico, il quale dipende dalle condizioni di ossido riduzione che favoriscono o frenano i fattori di trascrizione (Senn 1996).

Questa regolazione esiste da milioni di anni in un’organizzazione autonoma che dipende dallo stato ossido-riduttivo (OX-RED). 

Il DNA mitocondriale è dieci volte più sensibile allo stress ossidativo rispetto al DNA del nucleo.

 

I radicali liberi che attraversando la membrana cellulare raggiungono i mitocondri vengono neutralizzati dall’enzima Glutatione perossidasi, potente antiossidante.

Durante tale processo il glutatione perossidato viene ossidato e riconvertito in glutatione ridotto, ad opera della glutatione deidrogenasi con l’aiuto del NADH+ fornitore di Idrogeno.

Iperstimolazione del sistema immunitario

In seguito ad un forte stress immunitario (infezione virale o batterica), può verificarsi uno switch TH1/TH2 verso una dominanza TH2, impedendo la completa eliminazione dell’agente patogeno intracellulare.

In dominanza TH2, si liberano citochine pro-infiammatorie capaci di scatenare reazioni allergiche e dis-regolare la bilancia immunologica (TH1/TH2).

I virus consumano i gruppi tiolici SH o idrosolforici per la propria replicazione.

Quando il consumo pro-ossidativo di glutatione è eccessivo, il sistema di regolazione (OX-RED) aumenta l’attività dei geni antiossidanti e la metabolizzazione di H2O2 ( perossido di idrogeno ), la per-ossidazione dei lipidi, etc.

Il fabbisogno di tioli dall’organismo, viene di norma trascurato o sottovalutato.

La carenza di cisteina e di glutatione sono il sintomo guida dell’immunodeficienza cellulare, che aprono la strada a patologie di importanza sistemica.

La carenza di tioli deve essere compensata e dosata con prelievo di sangue, oggi fattibile in laboratori specializzati, il potenziale  RED-OX dipende dal sistema del glutatione.

Le persone con un deficit di regolazione dello stress ossidativo, genetico ad esempio, rispondono a fattori tossici più rapidamente e in modo prolungato con una contro regolazione del tipo TH2.

Tale risposta esuberante del sistema TH2, porta a sviluppare patologie importanti sistemiche, dalle allergie, alle patologie degenerative. Una risposta alterata del sistema TH1, predispone a patologie di tipo autoimmuni, non bilanciate dal sistema TH2.

Principali agenti tossici sono gli inquinanti ambientali, sostanze chimiche presenti negli alimenti, alimenti, farmaci, prodotti di lavorazione industriale.

Il glutatione è  un enzima antiossidante, forse il più potente fattore antiossidante esistente in natura. L’attività anti ossidante e di protezione è attiva in tutti gli organi ed apparati, con prevalenza del fegato, muscolatura, cervello, cuore, sistema immunitario ( linfonodi ), mucose.

 

immagine dell' integratore antiossidante GSH-Va Glutatione Vanda

 

Acido tiottico o alfa-lipoico: è un importante cofattore enzimatico, fornendo energia al ciclo di Krebs e di conseguenza alla funzionalità cellulare. La sua azione si esplica su tutte le deidrogenasi cellulari e in particolar modo alla deidrogensi attiva nel funzionamento e recupero del Glutatione.

Cisteina è un aminoacido particolarmente abbondante nella pelle, annessi, mucose.

È un sito attivo dei recettori delle membrane cellulari, precursore del glutatione e della taurina, potente detossificante attraverso la bile.

La carenza di cisteina si evidenzia con un ridotto funzionamento dei linfociti, i quali non possono funzionare correttamente se la concentrazione di glutatione diminuisce. Inoltre lo stress ossidativo, al pari delle infezioni contribuisce ad esporre l’organismo a ripetute infezioni virali. 

Le vitamine B1, B2, B3, B6, B12, la Vit. C, Vit. E, lo zinco, selenio e altri minerali, contribuiscono  a mantenere il glutatione nella forma attiva, ridotta, che da solo o in sinergia con la glutatione perosssidasi e il selenio, neutralizzano un gran numero di radicali liberi.

 

Bibliografia

Watson, M. A., Stewart, R. K., Smith, G. B., Massey, T. E., and Bell, D. A. Human glutathione S-transferase P1 polymorphisms: relationship to lung tissue enzyme activity and population frequency distribution. Carcinogenesis, 19: 275-280, 1998.

Bastaki et al. Pharmacogenet Genomics. 2006 Apr;16(4):279-86.

Lampe JW. Am J Clin Nutr. 2009 May; 89(5):1553S-1557S.

Hein, Mutation Research 2002; 506–50: 65–77.

Ambrosone et al. Cancer Res 2005; 65: (3).

Park et al. Mutation Research 593 (2006) 108–115

Autore: Professor Giuseppe Di Fede