Glutatione a cosa serve? Proprietà e benefici del Glutatione | Vanda
Banner Repertorio Medicina Integrata
Glutatione: a cosa serve? Proprietà e benefici del Glutatione
Glutatione: a cosa serve? Proprietà e benefici del Glutatione

Glutatione: a cosa serve? Proprietà e benefici del Glutatione

Proprietà e benefici del Glutatione

GSH-VA Glutatione contrasta lo stress ossidativo potenziando la fisiologica barriera antiossidante:

in questo articolo vedremo che cosa è il glutatione, a cosa serve e come assumerlo.

Cos’è il glutatione?

Il glutatione (GSH) e’ la sostanza endogena epatoprotettiva per eccellenza.

E’ una molecola tri-peptide che nasce dall’unione di tre aminoacidi:

  • la glicina
  • la cisteina
  • l’acido glutammico

Il GSH è considerato l’antiossidante più importante a livello cellulare.

Il limite nel suo utilizzo sotto forma di integratore alimentare è legato alla sua biodisponibilità. Nell’uomo infatti viene rapidamente distrutto dai sistemi enzimatici dell’apparato digerente.

Come assumere il glutatione?

La somministrazione orale di GSH presenta notevoli difficolta’ in quanto la sostanza viene scomposta nei singoli aminoacidi che la costituiscono.

Di conseguenza la supplementazione di GSH è possibile fornendo all’organismo cisteina (quale aminoacido precursore della sintesi di GSH), gli aminoacidi metionina e serina (utili alla sintesi di nuova cisteina), acido alfa-lipoico e vitamina E. 

Sono precursori del glutatione.

come assumere il glutatione

A cosa serve il glutatione

Il glutatione (gsh) e’ formato dagli aminoacidi cisteina, glicina e acido glutammico.

Glicina e acido glutammico sono facilmente reperibili con la dieta, a differenza della cisteina che diventa l’evento limite nella sintesi di glutatione (gsh) epatico.

infografica sull'uso del glutatione

La metionina fornisce il gruppo sulfidrilico, la serina lo scheletro carbonioso, entrambi necessari alla sintesi di nuova cisteina.

Un integratore a base di glutatione può essere utile in caso di:

  • insufficienza epato-biliare lieve o moderata
  • epatopatie su base iatrogena, tossica e virale
  • intossicazione epatica da farmaci
  • abuso di alcol
  • invecchiamento cutaneo
  • prolungata esposizione alla luce solare
  • protezione nei confronti del fumo di sigaretta

Per capire la possibile utilità di un integratore di glutatione occorre comprendere cosa è lo stress ossidativo e cosa sono i radicali liberi.

Il tema è piuttosto complesso: volendolo rappresentare con un esempio volutamente semplicistico, potremmo pensare agli oggetti di ferro. Questi, se lasciati all’aria o all’acqua si ossidano rapidamente proprio come i sistemi biologici. Anche questi ultimi, se esposti ad ossigeno e radicali liberi, finiranno con l’esserne “deteriorati”.

I radicali liberi hanno una forte tendenza a reagire chimicamente.

Questa iper-attività è dannosa per i sistemi biologici:

il glutatione si occupa di neutralizzare tali intrusi onde evitare i danni che ne derivano.

Bibliografia

Redox-Responsive Polysulfide-Based Biodegradable Organosilica Nanoparticles for Delivery of Bioactive Agents.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28609092

Metabolic defense against oxidative stress: The road less travelled-so far.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28609580

Effects of L-glutamine on rectal temperature and some markers of oxidative stress in Red Sokoto goats during the hot-dry season.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28608307