pufacur zinco selenio
Banner Repertorio Medicina Integrata

Zinco e Selenio: il loro ruolo antinfiammatorio, antiobesità e antiossidante nel Pufacur

Zinco e Selenio: il loro ruolo antinfiammatorio, antiobesità e antiossidante nel Pufacur

Pufacur composizione

Integratore alimentare a base di acidi grassi polinsaturi Omega 3 (EPA e DHA), Curcuma, Pepe nero, Vitamine A, C, D3, E, Zinco e Selenio con edulcorante.

Confezione

30 buste da 5,5 g. Peso netto 165 g

Prezzo

Euro: 36,50

Modo d’Uso

Si consiglia l’assunzione di 1 bustina al giorno disciolta in un bicchiere d’acqua (200 ml)

Zinco e Selenio: il loro ruolo antinfiammatorio, antiobesità e antiossidante nel Pufacur


pufacur zinco e selenio


Il Selenio e lo Zinco contenuti nel Pufacur svolgono una potente azione antiossidante, antinfiammatoria, antiobesità e antinvecchiamento. Per questo motivo sono stati inclusi nella composizione del Pufacur, integratore alimentare a base di Curcuma e Omega 3. Le quantità di Selenio e Zinco nel PUFACUR rispettano i range fisiologici.

Selenio

Il Selenio, un elemento traccia riconosciuto come potente antiossidante, è un componente fondamentale dell’antiossidante endogeno glutatione perossidasi (GSHpx) e del fosfolipide-idroperossido-glutatione-perossidasi selenio-dipendente – pH-ESHPX-Se; quest’ultimo catalizza la degradazione degli idroperossidi formatisi per ossidazione degli acidi grassi polinsaturi della membrana cellulare e ostacola l’enzima prostaciclina sintetasi che favorisce la formazione di molecole pro-infiammatorie.

La ricerca ha messo in evidenza che l’assunzione di Selenio è negativamente correlata con la quantità di acido sialico presente nell’organismo; quest’ultimo è un marker infiammatorio collegato alla sindrome metabolica, al peggioramento del pattern lipidico e all’insulinoresistenza.

Inoltre, valutando la concentrazione di Selenio presente nelle unghie, si è accertata una correlazione opposta anche con il fattore C3 del complemento circolante nel sangue che è collegato direttamente a molti indici di obesità quali la waist-line (circonferenza addome), il rapporto peso/altezza, l’indice di massa corporea, la massa grassa corporea, la glicemia e i trigliceridi. L’agricoltura moderna e le nuove abitudini alimentari hanno drammaticamente ridotto l’assunzione quotidiana di selenio.

Zinco

Lo Zinco è un fattore enzimatico molto importante, partecipa alla maturazione delle cellule immunitarie, stabilizza alcune proteine ormonali, è importante per la formazione delle ossa e dei muscoli e svolge un’azione antiossidante notevole. E’ un componente essenziale di più di 200 enzimi ed è uno dei più importanti oligoelementi dell’organismo che, oltre tutto ciò, risulta necessario per l’attività melatoninica.

Si è riscontrato un aumento della citochina proinfiammatoria TNF-alfa in animali con carenza di Zinco e conseguente aumento dell’infiammazione e della perdita di mineralizzazione ossea. Tale restrizione dell’apporto di zinco è stata anche correlata con l’insorgenza di comportamenti di tipo depressivo per aumento dei parametri ossidativo-infiammatori.

Infine la presenza adeguata di Zinco nell’organismo ha dimostrato una efficacia nel bloccare il fattore di trascrizione STAT3 che è necessario per avviare la risposta immune Th17 responsabile di processi infiammatori autoimmuni. La quantità assunta con l’alimentazione può risultare insufficiente in organismi senescenti e/o infiammati.


 

Nutr Res. 2009 Jan;29(1):41-8. Dietary selenium intake is negatively associated with serum sialic acid and metabolic syndrome features in healthy young adultsZulet MA, Puchau B, Hermsdorff HH, Navarro C, Martínez JA.

Eur J Clin Nutr. 2009 Jul;63(7):858-64.  Selenium intake reduces serum C3, an early marker of metabolic syndrome manifestations, in healthy young adultsPuchau B, Zulet MA, González de Echávarri A, Navarro-Blasco I, Martínez JA.

J Inflamm Res. 2015 Jul 13;8:117-28.  Implications of compromised zinc status on bone loss associated with chronic inflammation in C57BL/6 miceChongwatpol P, Rendina-Ruedy E, Stoecker BJ, Clarke SL, Lucas EA, Smith BJ.

Neurotox Res. 2016 Jan;29(1):143-54.  Alterations of Bio-elements, Oxidative, and Inflammatory Status in the Zinc Deficiency Model in Rats. Doboszewska U, Szewczyk B, Sowa-Kucma M, Noworyta-Sokołowska K, Misztak P

Pufacur integratore di Curcumina e Omega 3